Infrastruttura

Utilizziamo per i servizi, uno storage HITACHI HUS110 di tipo modulare di classe midrange. Per tutti i componenti hardware e software dell’apparato la tecnologia è di ultima generazione.

HUS110 è un sistema montabile su rack standard che adotta un’architettura modulare configurabile con doppio controller, ognuno dotato di cache, e con connettività verso i server di tipo Fibre Channel (FC) autosensing a 8 Gbit e/o iSCSI. Il sottosistema ha RAID controller ridondate. Il fault di una controller non compromette l’operatività dell’apparato.
Verso i dischi interni la connettività è garantita da 16 collegamenti SAS punto a punto a 3Gb/s, che consentono un’elevata banda pari a 4800 MB/sec.

Il sistema è composto da un modulo di controllo che contiene i due controller con dischi in numero da 4 a 15, e da un massimo di 7 moduli di espansione che contengono ognuno fino a 25 HDD. L’interfaccia delle unità disco può essere di tipo SAS (Serial Attached SCSI) SATA, SD. I moduli di espansione sono usati indifferentemente sia per i dischi SAS che per i dischi SATA.
La dimensione massima raggiungibile dal sottosistema AMS2100 è quindi di un massimo di 200 HDD. L’espandibilità della macchina è assicurata non solo dalla elevata capacità offerta, ma anche dalla possibilità di upgrading “data in place” verso i modelli superiori della famiglia.

cloud OSA TECH GROUP SA

I due controller dell’HUS110 sono in grado di comunicare tra loro per garantire il mirroring dei dati in scrittura tra le due cache. L’architettura di front end dei controller di tipo Active-Active Symmetric permette l’accesso ad ogni LUN da ogni porta di front end del server, indipendentemente dal controller. Non esiste dunque più, come nei tradizionali sistemi storage dual controller, il concetto di assegnazione di una LUN primariamente ad un controller, con eventuale transpass sull’altro controller in caso di fault; ma nei sistemi Hitachi della nuova linea ogni LUN è visibile e può essere acceduta contemporaneamente da entrambi i controller e quindi da tutte le porte di front-end.

Questa innovativa architettura offre grandissimi benefici in termini di prestazioni, bilanciamento automatico del carico, capacità di supporto per carichi di lavoro eterogenei, semplicità di gestione e velocità di configurazione. A differenza dei controller asimmetrici dei sistemi storage midrange tradizionali, il controller Hitachi Dynamic Load Balancing elimina i tipici colli di bottiglia e gli “hot spots”, che possono portare ad una riduzione dei tempi di riposta delle operazioni di Input/Output.

L’architettura consente di bilanciare dinamicamente il carico di I/O su ogni path disponibile attraverso un monitoring dei livelli di utilizzo di ciascun controller o porta di front end. Quando il carico su un controller diventa sbilanciato, il traffico è indirizzato automaticamente sull’altro controller senza dovere apportare alcuna modifica al path primario.

Tramite questa soluzione si ottengono i seguenti benefici:

  • Tutte le scritture sono mirrorate tra i controller
  • Utilizzo bilanciato ed automatico dei controller
  • Garanzia a ciascun server di disporre di un dual path verso i dati
  • Entrambi i path possono essere attivati per bilanciare le I/O del server

FUNZIONALITA’ SPECIFICHE



CLOUD OSA TECH GROUP SA

Cache Parition Manager:

Tale funzione permette di suddividere la cache memory in porzioni (partizioni) per una gestione più efficiente, e per ottimizzare la trasmissione dei dati da/verso l’host.

Le LUN definite nell’apparato storage possono essere assegnate ad una partizione, e l’utente può specificare sia la dimensione della partizione, sia la dimensione del segmento.

La configurazione induce i seguenti benefici:

  • Minore cache richiesta per workload specifici
  • Migliore hit rate per la stessa dimensione della cache
  • Ottimizzazione dell’ I/O throughput per workload misti

Cache Residency Manager:

Una parte della cache e di LUN possono essere configurate per fare sì che tutte le attività di R/W avvengano in cache, con protezione delle scritture su disco tramite un processo asincrono. La mappa degli extents da fissare in cache è configurabile dallo Storage Administrator oppure dinamicamente via API.

LUN grow / LUN shrink:

E’ possibile aumentare o ridurre online la dimensione delle LUN online e senza interrompere l’attività.

RAID group expansion:

Tramite la funzionalità di espansione del gruppo RAID è possibile aggiungere uno o più drive ad un RAID group on-line. Una volta aggiunto il disco, le LUN sono nuovamente ed automaticamente distribuite (striping) sul RAID group accresciuto.

Mega LUN: Definizione di LUN fino a 60 TB allocate lungo tutti i drive nel sistema.

Data Retention Utility:

Assegna alle LUN identificate l’attributo di WORM (Write Once Read Many) con retention e permessi di accesso personalizzabili. Allo scadere della retention i volumi ritorneranno ad essere read/write. DRU supporta nella creazione di ambienti di archiviazione e conservazione di documenti conformi alle normative vigenti.

Automatic power savings:

La tecnologia Hitachi consente di ridurre il consumo elettrico degli HDD SATA quando non acceduti frequentemente all’interno dell’apparato. Tale soluzione riduce altresì i costi associati al raffreddamento dei dischi in esercizio.

Sicurezza del sistema:

  • SystemAudit Logging
  • Account Authentication
  • Comunicazione tra software di gestione e sistema via SSL/TLS encrypted
  • Supporto nelle porte di manutenzione dell’IPv6 ed IPsec security specs